Feeds:
Articoli
Commenti

Settembre, mese strano

settembre

Non ho mai amato settembre.

Forse perché mi ricorda, in modo inequivocabile, che le giornate cominciano a sfaldarsi. E con esse molto di più.

Perché a dilavarsi, oltre la terra, è la luce stessa.

Con il mare che sta per scendere in coperta. E insieme a lui la natura tutta.

E con il tempo dell’estate, di necessità più lento, che deve per ciclicità cedere il passo ad un orologio più svelto. Quindi con minori possibilità di incantamento.

 

La raccolta

conchiglie e stelle

Raccolgo frammenti di spiaggia.

Per conservare qualche cartolina del luogo.

Color acquamarina

acquamarina

Colore in cui tuffarsi.

Per ritrovarsi a respirare mare.

 

orchidea

Un atto di prepotenza.

O meglio, di potenza.

Ad esplicitare l’onnipotenza.

Coooocco bello!

_cocco

E’ un urlo estivo di gioia.

Legato a nodo con un luogo ben preciso.

Spiaggia, anzi battigia. Voce inconfondibile che arriva prima del portatore, urlando: “Coooocco bello! Coooocco di mamma!“.

Solo dopo entra nella tua visuale il padrone di tale offerta. Un giovane uomo abbronzato con cestino in vimini, che traborda fette di cocco, e secchiello di plastica in cui tuffare la fetta scelta.

A seguire frotte di bimbi che, incalzando le mamme al seguito, gioiscono per quella bianca fetta d’estate.

Domande estive

bagno1

Hai preso tutto?

L’ombrellone, la sdraio, la paperella?

Siamo pronti per il bagno?

Il tuffatore

Il tuffatore di Paestum

Il tuffatore di Paestum

Ci si tuffa da sempre…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 119 follower