Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Roberto Benigni’

benigni

La protagonista è stata la Poesia.

Roberto Benigni ne è stato l’interprete. Incantato e incantatore. Nel trasmetterci la passione per la Parola di tanto Autore.

Tra i diversi vocaboli sottolineati nel racconto i miei preferiti sono stati “libertà” e “silenzio”. Autentici archetipi di “umanità”.

Forse perché intimamente intrecciati col “cammino” e la “riflessione”.

Ma la Poesia nasce così.  …”e tu puoi contribuire con un tuo verso” (Walt Whitman).

Ps: nel frattempo, mentre ripassavamo le Tavole della Legge, in una scuola pakistana un manipolo di talebani ignobilmente le violava.

Annunci

Read Full Post »

sofia-loren

Buon compleanno a Sofia Loren, icona internazionale di bellezza e bravura.

Ci sono fotogrammi della sua vita cinematografica divenuti ormai parte dell’immaginario collettivo, dal tragico e smarrito accasciarsi de “La ciociara” al seduttivo spogliarello di fronte all’ululante Mastroianni in “Ieri, oggi, domani”.

Premi, riconoscimenti, consacrazione. Ad un’attrice che ha portato sulla scena talento, sensualità, eleganza. Con uno sguardo che continua a raccontare l’incanto per il mondo. Anche oltre la celluloide. Il grido gioioso “Robbertooo, Robbertooo!” per annunciare l’Oscar a “La vita è bella” di Benigni ne è stato l’esempio più famoso.

Read Full Post »

massimo-troisi-638x425

Caro Massimo,

te ne andavi, quatto quatto, vent’anni fa. Lasciandoci storditi, e poi addolorati.

Perché la tua “maschera” attorale coincideva con quella esistenziale, che col mondo giocava leggero perché leggero giocava con sé.

Così leggero che mettevamo da parte la possibilità che la tua fisica fragilità giocasse invece pesante.

Lasciando a noi, più soli e smarriti, il ricordo nostalgico della tua incantata e profonda leggerezza. Con cui rendevi lievi le paure di ciascuno intorno ai sentimenti.

Facendoci ridere, per poi sorridere, e infine pensare.

Ps: visto che sei diventato “Il postino” per antonomasia, chissà se questa lettera ti raggiungerà…

 

Read Full Post »

naldini

L’equipe di Luigi Naldini, direttore dell’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica (Tiget) di Milano, ha messo a punto la cura di due gravi malattie genetiche grazie all’inattivazione del virus dell’AIDS. Dopo 15 anni di studi, ricerche e sperimentazioni i risultati sono stati presentati in una conferenza stampa e acclamati in una doppia pubblicazione sulla rivista Science.

La notizia è scarna, come tutto ciò che essendo potente di suo non ha necessità di orpelli.

Ma è qualcosa che ci inorgoglisce, rendendoci ancora fieri di appartenere a questo Paese, spesso tanto sfregiato da alcuni suoi figli.

Come ci ha reso orgogliosi Vincenzo Cerami, scrittore di cui in queste ore piangiamo la scomparsa. Ha reso alta l’Italia sceneggiando “La vita è bella”, avendola resa già fiera con quel “Un borghese piccolo piccolo” che ritraeva con feroce e lucida satira le frustrazioni di tutti noi. Ebbe un grande maestro, Pasolini. Fu lui stesso un maestro grande per la cultura di questo Paese e per Roberto Benigni in particolare, che lo ha definito «la creatura più bella che abbia mai incontrato».

vincenzocerami

Read Full Post »