Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘profughi’

Lesbo

Sbarchi record di migranti sull’isola di Lesbo, già isola dell’amore.

Tragedia e disperazione caratterizzano l’arrivo dei profughi in questo lembo di terra greca. Ma anche la speranza che per loro inizi un nuovo corso.

Con i versi della poetessa Saffo ad accoglierli: “Raccoglimi dolcemente scrollando la polvere dai miei vestiti“.

Read Full Post »

bambino-spiaggia

Sembrava, fino a poco tempo fa, che gli “impelagati” fossero quei migranti che, arrivando, vivi o morti, sulle nostre coste, “assaggiavano” quel pelagus che è mare nostrum.

Ora l’Europa, quasi nella sua interezza, si rende conto che “impelagati”, cioè “in una situazione difficile come quella di chi è in mare”, siamo tutti, anche chi il mare non lo “assaggia”, sia per motivi geografici che sociali.

Ma in un “mare difficile” da attraversare/navigare/condividere lo siamo proprio tutti. Perché la situazione migrazione non è emergenziale ma epocale. Una parte del Sud del mondo si muove verso il Nord. Peraltro con uno spostamento di popoli che è ciclico, come quasi tutto ciò che riguarda le cose della Terra. E della vita.

Tutti siamo “impelagati” quando vediamo che le stazioni, luoghi di passaggio, rischiano di diventare luoghi di fermo.

Tutti siamo “impelagati” quando, in un incredibile déjà vu, ritroviamo uomini che scrivono numeri sulla pelle di altri uomini.

E tutti siamo più che “impelagati”, quasi “annegati”, nello scorgere sulla spiaggia turca di Bodrum, l’acqua silenziosa a lambirlo, il corpo esanime di un bimbo siriano. Il futuro, di tutti, col fiato interrotto.

Read Full Post »

migranti

Perché ci stiamo abituando al peggio, al tragico, al morituro?

Migranti che muoiono di freddo vicino alle nostre coste. Che sono calde, ma più spesso lontane.

Paesi che dondolano, con il loro carico umano, sul bordo di una guerra. In stato permanente.

Bambini che vengono uccisi per ideali lontani dalle idee. Facendo così evaporare ogni valore.

Eppure rischiamo di abituarci a tanta distorsione quale rumore di fondo.

Diventando noi stessi profughi. O meglio transfughi, autentici disertori della nostra umanità.

Read Full Post »