Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘naufragio’

Il 10 luglio 1967, dieci lustri fa, nasceva Corto Maltese, l’elegante marinaio di Hugo Pratt.

Il mitico Corto non poteva che vedere la luce in mare. La sua prima avventura fu infatti “Una ballata del mare salato”, che lo vide entrare in scena al largo delle Isole Salomone su una zattera, in seguito ad un naufragio per ammutinamento.

Uomo mediterraneo ma anche anglosassone, quindi maltese. Solitario, piratesco, misterioso. Sorriso di chi è risolto con se stesso, sguardo di chi vede oltre se stesso. Fascino naturale frammisto a sottili malinconie. All’apparenza cinico ed egocentrico, in realtà leale e attento all’altrui passo. Uno degli ultimi romantici, gesti eroici e ideali antichi.

Forse per questo continua ad esercitare il suo potere attrattivo. Oltre il tempo. Come chi entra nel nostro immaginario. Per farci stabilmente affettuosa compagnia.

Read Full Post »

Che il referendum pro muro anti-migranti dell’Ungheria di Orban non abbia raggiunto il quorum è un segnale forte con cui rendere omaggio a tutte le vittime migranti del Mediterraneo.

Ora è tempo di azioni concrete per far cessare il “Fuocoammare”.

Read Full Post »

rifugiati papa 6

Papa Francesco, al ritorno dal suo viaggio/conforto all’isola di Lesbo, ha condotto con sé alcuni migranti. Come li ha scelti? Già, in quale modo è avvenuta la sua “scelta”?

Perché, purtroppo, è dell’umano, anche se Altissimo, essere costretto a scegliere. Quale criterio adottare? Ulteriore snodo che si scioglie, anche per il Papa, solo col sorteggio. Metodo democratico, certo, ma riconducile pur sempre al gioco, alla sorte. Quindi la “scelta” papale è avvenuta attraverso il caso.

E se invece fosse Dio a giocare a dadi, in posta i Suoi umani?

Che però si domandano, ci domandiamo, “Perché?“.

Ps: nel frattempo, purtroppo e ancora, un altro naufragio di più di 400 migranti in questo “mare nostrum” ormai straziato.

Read Full Post »

Opera di Andrea Crostelli

Opera di Andrea Crostelli

«Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola
e del mondo col tuo sale,
sia benedetto il tuo fondale,
accogli le gremite imbarcazioni
senza una strada sopra le tue onde
i pescatori usciti nella notte,
le loro reti tra le tue creature,
che tornano al mattino con la pesca
dei naufraghi salvati.

Mare nostro che non sei nei cieli,
all’alba sei colore del frumento
al tramonto dell’uva e di vendemmia.
ti abbiamo seminato di annegati più di
qualunque età delle tempeste.

Mare Nostro che non sei nei cieli,
tu sei più giusto della terraferma
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le abbassi a tappeto.
Custodisci le vite, le visite,
come foglie sul viale,
fai da autunno per loro,
da carezza, abbraccio, bacio in fronte,
madre, padre prima di partire»

Erri De Luca, Piazzapulita 20 aprile 2015

Read Full Post »

migranti

Perché ci stiamo abituando al peggio, al tragico, al morituro?

Migranti che muoiono di freddo vicino alle nostre coste. Che sono calde, ma più spesso lontane.

Paesi che dondolano, con il loro carico umano, sul bordo di una guerra. In stato permanente.

Bambini che vengono uccisi per ideali lontani dalle idee. Facendo così evaporare ogni valore.

Eppure rischiamo di abituarci a tanta distorsione quale rumore di fondo.

Diventando noi stessi profughi. O meglio transfughi, autentici disertori della nostra umanità.

Read Full Post »

bertoldo

Quando si dice “farne più di Bertoldo”, e riceverne anche onori.

Ma questa purtroppo è l’Italia, ovvero il Paese di Bertoldo e Cacasenno. Con buona pace, e indicazione, dell’etimologia. Che però pare raccontare, o meglio schiumare, cosa il senno fa nella Terra delle Farse.

E qui non si tratta di condannare anzitempo alla gogna popolare chi sta aspettando (in tutt’altre faccende affaccendato) l’esito del processo per omicidio colposo plurimo, quindi ad oggi ancora fregiato di non colpevolezza.

Qui si tratta di buon gusto e opportunità. Buon gusto da parte di chi ha invitato il capitano a tenere una lezione (sob!) alla Sapienza (le parole…) sulla gestione del panico (doppio sob!) in casi d’emergenza (triplo sob!). Una vera bischerata. E opportunità da parte del Nostro (ora solo più Suo) ad accettare l’invito. Dimostrando in tal modo una spudorata faccia tosta. Nonché una considerevole capacità nella gestione della stessa.

Read Full Post »

messaggio-bottiglia

È andato alla deriva per ventiquattro mesi, percorrendo centinaia di chilometri, per poi arenarsi sulle coste della Sardegna.

La bottiglia con messaggio è in realtà un giubbotto di salvataggio della Costa Concordia, affondata il 13 gennaio 2012, ritrovato in questi giorni sull’isola dopo un viaggio spazio-temporale alquanto lungo.

Chissà quale messaggio vuole affidare a noi umani questo oggetto, a parte quello più evidente che le cose ci sopravvivono.

Fa comunque riflettere il luogo in cui il giubbotto ha “deciso” di spiaggiare: Cala Andreani, più nota come la spiaggia del Relitto.

Read Full Post »

Older Posts »