Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Montmartre’

Il film di Jean-Pierre Jeunet, “Il favoloso mondo di Amélie”, torna sul grande schermo l’11 e il 12 maggio per festeggiare i vent’anni dal suo fortunato debutto.

Perché la storia magica e delicata di Amélie Poulain continua ad incantarci, tanto più in questo “reo tempo”?

Forse perché racconta un mondo colorato e aggraziato, in cui grigiore e storture vengono sistemati da questa giovane donna dalla frangetta corta corta che crede nei sogni e nei segni.

Forse perché giriamo per due ore in una Parigi da cartolina, salendo con leggerezza le scale infinite di Montmartre per poi ristorarci al “Café des 2 Moulins” in attesa di un café au lait servito proprio da Amélie. Che forse si trasformerà anche per noi in messaggera d’amore.

Forse perché vogliamo ricordare come perdersi in quei piccoli e umanissimi piaceri, quali immergere una mano in un sacco di legumi, spaccare la crosticina di una creme brulée con la punta del cucchiaino o far rimbalzare sassi sull’acqua del Canal Saint Martin.

Provando la sensazione, come Amélie, di essere in armonia col mondo. In un istante lungo e perfetto.

Read Full Post »

E’ già in viaggio per Verona, dove sarà inaugurata il primo aprile, la mostra di “Toulouse-Lautrec La Belle Epoque” che ha appena chiuso i battenti a Torino.

Oltre centocinquanta opere, tutte provenienti dall’Herakleidon Museum di Atene, ad illustrare l’opera anticonformista e innovativa del pittore bohémien della Parigi di fine Ottocento.

Gran parte del percorso espositivo si snoda sui locali di Montmartre, quelli frequentati dall’aristocratico visconte Henri de Toulouse-Lautrec per dimenticare se stesso. Diventando confidente di ballerine e prostitute, sentendosi emarginato come loro. Così rappresenta la vita al Moulin Rouge e in altri teatri del quartiere, insieme alle maisons closes, dove fissa la sua dimora-studio.

Deforma le linee, quasi a sottolineare le proprie deformità, aprendo la strada agli espressionisti. Con profonda partecipazione emotiva, cogliendo aspetti della vita intima delle donne da lui ritratte. E a volte amate. Seppur in modalità burrascosa. Quella della sua stessa esistenza.

Read Full Post »

Se oggi, per San Valentino, volete un luogo topico oltre che tipico, l’indirizzo doc è Square des Abbesses a Parigi.

Un muro dell’amore, 10 metri per 4, su cui la parola è scritta in tutte le lingue del mondo, o quasi.

L’autore della romantica e originale installazione è Frédéric Baron, che ha voluto realizzare un’opera che fosse linea di congiunzione tra gli uomini, un muro che unisse invece di dividere. E iniziando a chiedere ai vicini di casa stranieri di scrivere ti amo nelle loro lingue, l’artista è arrivato a 511, tante sono quelle utilizzate per decorare il “suo” muro di piastrelle di lava smaltata.

Un luogo suggestivo per ricordare il sentimento più indagato, scritto, conteso, vissuto dall’umanità tutta.                         

Read Full Post »