Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Massimo Troisi’

pino daniele

A me me piace ‘o blues e tutt’e 
journe aggio cantà’
pecchè so stato zitto 
e mo è ‘o mumento ‘e me sfuca’.”

Da “A me me piace ‘o blues” di Pino Daniele (Napoli, 19 marzo 1955- Roma, 4 gennaio 2015)

Ps: tacciono la sua voce e la sua chitarra. E con loro si fanno silenziosi i ricordi di ciascuno legati alle sue canzoni.

Read Full Post »

Eduardo-De-Filippo

A trent’anni dalla scomparsa del drammaturgo partenopeo Eduardo De Filippo, per tutti Eduardo, viene ricordata la sua eredità, densa e viva.

Alcune sue commedie sono diventate dei modi di dire proverbiali, da “Gli esami non finiscono mai” a “Napoli milionaria”. Che dire poi del famoso “Ha da passà ‘a nuttata“? Adottando il parlato popolare Eduardo ha elaborato una lingua teatrale che ha travalicato il napoletano rendendolo lingua universale, e facendo del teatro dialettale un “teatro d’arte”. Una lezione messa a frutto dalla mimica di Massimo Troisi e dal  grammelot del Premio Nobel Dario Fo.

Scegliere un suo estratto per rendergli omaggio non è semplice, anche se la sua capacità di “scolpire” situazioni minime della vita sembra toccare uno dei suoi vertici descrivendo, nella commedia “Questi fantasmi”, la preparazione del caffè, che da autentico napoletano diviene rito: “Sul becco [della caffettiera napoletana] io ci metto questo “coppitello” (cappuccio) di carta [in modo che] il fumo denso del primo caffè che scorre, che è poi il più carico non si disperde. Come pure… prima di colare l’acqua, che bisogna farla bollire per tre quattro minuti, per lo meno, …nella parte interna della capsula bucherellata, bisogna cospargervi mezzo cucchiaino di polvere appena macinata, …in modo che, nel momento della colata, l’acqua in pieno calore già si aromatizza per conto suo“.

E chi ascolta comincia, somma bravura dell’autore, a sentire in quelle parole l’aroma del caffè…

Read Full Post »

massimo-troisi-638x425

Caro Massimo,

te ne andavi, quatto quatto, vent’anni fa. Lasciandoci storditi, e poi addolorati.

Perché la tua “maschera” attorale coincideva con quella esistenziale, che col mondo giocava leggero perché leggero giocava con sé.

Così leggero che mettevamo da parte la possibilità che la tua fisica fragilità giocasse invece pesante.

Lasciando a noi, più soli e smarriti, il ricordo nostalgico della tua incantata e profonda leggerezza. Con cui rendevi lievi le paure di ciascuno intorno ai sentimenti.

Facendoci ridere, per poi sorridere, e infine pensare.

Ps: visto che sei diventato “Il postino” per antonomasia, chissà se questa lettera ti raggiungerà…

 

Read Full Post »