Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Leopardi’

Sono trascorsi cinquant’anni dall’arrivo dell’uomo sulla Luna. Ma l’abbiamo desiderata dalla notte dei tempi. Guardandola, cantandola, dipingendola. Volendola.

Perché ci gira intorno, dandoci la misura delle cose. Dal mensile calendario terrestre alla dimensione dello spazio extraterrestre. E a lei, alla silenziosa luna leopardiana, rivolgiamo i nostri pensieri più intimi, seppur universali.

Forse per questo quel 20 luglio 1969 tutti si sono sentiti parte della missione Apollo 11. E Neil Armstrong, con quella mitica impronta sul suolo lunare, è divenuto così il simbolo della possibilità di far avverare i sogni. Di volere la luna e averla. Almeno in parte.

Annunci

Read Full Post »

In questi giorni, leggendo vari articoli intorno a Paolo Villaggio, mi sono imbattuta nella sua ultima intervista, quella di qualche mese fa, in occasione delle riprese di “La voce di Fantozzi”.

E lì, tra le parole di Villaggio, senti l’eco assordante di Leopardi, quello delle “Operette morali”. E concordo con chi definisce l’inventore di Fantozzi un filosofo.

Dice Paolo Villaggio: “Man mano che ti avvicini al Grande Evento – morire è un evento formidabile – ti viene quell’angoscia mortale che ti viene leggendo Kafka. Ora ho quasi 85 anni. Quanti me ne restano? Cosa dura la vita? Finisce per tutti. Anche per i più grandi, come Kafka e Dostoevskij. E’ un pensiero che ti fa venir voglia di gridare aiuto: come si fa a non morire subito? A pensare di non esserci più dopodomani. A pensare di non avere più questa libreria dietro le spalle. Quando leggi Kafka senti proprio questa voce dentro di te che urla: Non subito! Non subito!“.

Quella voce leopardiana, in parte “Cantico del gallo silvestre“, in parte “Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie“. Quella voce intessuta di intelligenza acuta e somma disperazione per quello che è l’esistenza di quei cosi a due gambe che siamo noi umani. Alquanto fantozziani.

Read Full Post »

"Un biondo mare silente" - Photo by Ester Maero

“Un biondo mare silente” – Photo by Ester Maero

Un altro regalo dalla natura, inaspettato. Una vacanza del cuore, grato.

Mentre guido in una via periferica di Torino volgo lo sguardo a destra e penso di sognare.

Un pezzo d’Ogliastra a pochi metri da me. Un numero esteso e disteso di pecore intente nel loro lavoro. Placide, serafiche e, come ci insegna Leopardi, felici.

Capaci di rendere felice, come Leopardi non crederebbe, anche me.

Read Full Post »

luna1

Guardo la luna e ripenso al nostro racconto tra cielo-vita-stelle.

E a quel Leopardi che ancora recito, un po’ più sola.

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, / Silenziosa luna?“.

Quella domanda narrata a te dalla tua nonna, a me figlia da te mamma.

Filo di ricordi, ricordi sul filo…

Ne tengo ancora un capo“, recitava il Poeta.

Trattieni il tuo, di filo, mamma. Teso intorno alla nostra luna.

Che sia visibile, anche da qui.

Read Full Post »

Edward Hopper "People in the sun" - 1940

Edward Hopper “People in the sun” – 1940

L’uomo medio dei tempi del Leopardi poteva interiorizzare ancora la natura e l’umanità nella loro purezza ideale oggettivamente contenuta in esse; l’uomo medio di oggi può interiorizzare una Seicento o un frigorifero, oppure un week-end a Ostia.”

Pier Paolo Pasolini, da “Scritti corsari”(1975).

Ps: riflessione non così distante, mutatis mutandis, dai recenti pensieri francescani…

Read Full Post »

Questa mattina, all’alba, lei era lì. Piena, gigante, più vicina del solito. E come sempre bellissima.

Una Super Luna. Suggestiva, emozionante, primordiale. Un enorme occhio su di noi.

Tale che ho sentito più vibrante del solito quel verso di Leopardi che condensa le domande di tutti noi:

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, / Silenziosa luna?“.


Read Full Post »

Raccomando ai miei posteri 
(se ne saranno) in sede letteraria, 
 il che resta improbabile, di fare 
 un bel falò di tutto che riguardi 
 la mia vita, i miei fatti, i miei non-fatti. 
 Non sono un Leopardi, lascio poco da ardere 
 ed è già troppo vivere in percentuale. 
 Vissi al cinque per cento, non aumentate 
  la dose. Troppo spesso invece piove 
  sul bagnato.”

Eugenio Montale, da “Diario del ’71 e del ’72”.

Read Full Post »

Older Posts »