Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘festa’

In linguaggio tecnico sono i “gingerbread men”. In linguaggio festivo fanno semplicemente Natale.

E allora, nel giorno degli addobbi, via libera agli omini di zenzero. Buoni, belli e coccolosi. Un regalo che sa di cucina, calore e attenzione. Per risvegliare tutti i sensi.

Read Full Post »

“Carnevale” di Daniele Vannucci

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù.” – Michail Bachtin, da “L’opera di Rabelais e la cultura popolare”

Tale abolizione oggi sembra essere definitiva. Con il Carnevale a dominare ogni giorno. No regole, no tabù. Poche gerarchie, in virtù dell’uno vale uno. E i privilegi invece mantenuti, in ricordo di antichi istituti.

Read Full Post »

Un tempo “addobbare” era “in-vestire” un cavaliere, quindi in modo più ampio “investire di dignità” qualcuno.

Poi si passò a vestire a festa l’albero, rendendolo “albero di Natale” coi relativi addobbi.

E se oggi “in-vestire” noi stessi e gli altri di dignità fosse la nuova frontiera, l’addobbo 2.0?

Read Full Post »

zucca-turbante-di-turco-mini

Quasi quasi azzardo e scelgo “scherzetto”.

Del resto è un po’ di tempo che ci fanno credere che le zucche siano carrozze…

Ps: ogni riferimento a qualsivoglia “fiaba” è puramente casuale.

Read Full Post »

cenerentola

In questi giorni ovunque ti volti vedi zucche. Risotti, fantasmi, dolcetti, scherzetti. E allora decido di tornare alla mia prima zucca, che è quella resa carrozza da una fata per Cenerentola. Rendendo possibile un sogno.

« “Sono la fata tua madrina e mi chiamo Smemorina. Non abbiamo molto tempo a disposizione. Penso che per prima cosa tu abbia bisogno di una zucca.” Cenerentola non capì il motivo, ma obbedì e raccolse una grossa zucca.  La fata agitò la sua bacchetta magica verso di essa, e cantò: “Salagadula, mencica bula, bibbidi-bobbidi-bu….“. La zucca si alzò lentamente sul fusto, mentre i viticci arrotolandosi si trasformarono in ruote: in un attimo diventò una stupenda carrozza. »

Una festa per Cenerentola. Un’autentica Halloween ante litteram.

Read Full Post »

Dire grazie espande il cuore.

E fa gioire appieno per quanto ricevuto.

Di qualsiasi raccolto si tratti.

Read Full Post »

Sapore di festa la griglia in compagnia.

La carne da ricercare con cura meticolosa, il barbecue da preparare con riti maniacali, aromi e oli da spennellare.

E poi la brace, cioè fumo che avvolge salsicce, costine, braciole, verdure e commensali.

Con l’atmosfera tutta affumicata, appetitosa, gioiosa.

Un giorno d’estate. Che sa di cose fino in fondo gustate.

Read Full Post »

Patate e fagiolini fanno da tappezzeria.

Le trofie sono le reginette della festa.

Ma è solo lui che può creare la giusta atmosfera.

Odoroso, gustoso, godurioso. Il pesto.

Assaporandolo senti quanto il sole abbia baciato quelle foglie di basilico che adesso fanno titillare il tuo palato.

Anche quello interiore.

Read Full Post »

Johannes Lingelbach, "Carnevale in Roma", 1650-51

CARNEVALE: Dal latino carnem levare, “eliminare la carne”, l’espressione medievale usata per indicare la prescrizione ecclesiastica di astenersi dal mangiare carne dal primo giorno di Quaresima fino alla Pasqua. Il “Carnevale” denota infatti il periodo tra l’Epifania e la Quaresima, periodo caratterizzato fin dall’antichità da festeggiamenti smodati intorno al cibo, al vino e al piacere, col sovvertimento autorizzato dell’ordine sociale vigente, nascondendo la propria identità e ruolo dietro le maschere.

Il Carnevale, poiché coincidente con l’inizio dell’anno agricolo, è collegabile con le feste dionisiache, in onore del dio greco del vino, e ai Saturnali romani, in cui si sospendeva il rapporto servo-padrone. Il sovvertimento dei ruoli caratterizza infatti il periodo carnevalesco, con le classi popolari che mettono alla berlina i potenti, anche attraverso i carri allegorici. Ciò è possibile, anzi è permesso, perché tale irrisione è limitata nel tempo.

Conviene quindi godere della festa, come suggerisce Lorenzo De Medici nel suo “Trionfo di Bacco e Arianna”, un canto appunto carnascialesco: “Donne e giovinetti amanti / viva Bacco e viva Amore! / Ciascun suoni, balli e canti! / Arda di dolcezza il core! / Non fatica, non dolore! / Ciò c’ha esser, convien sia. / Chi vuol esser lieto, sia: / di doman non c’è certezza.


Read Full Post »

L’uno è protagonista assoluto della scena natalizia. L’altro è l’outsider che crea l’atmosfera del Natale.

L’uno è festa piena, come il suo sapore tondo. L’altro è soffusa eleganza, quanto il suo soffice gusto.

L’uno è glassa, canditi, uvetta, e chi più ne ha più ne metta… L’altro è cascata di zucchero e vaniglia, e tutto si fa meraviglia…

Ad ognuno la sua delizia golosa.

Ps: provate ad indovinare la scelta di Es…

Read Full Post »

Older Posts »