Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘David di Donatello’

Mi soffermo sulla scomparsa di Ilaria Occhini soprattutto perché compagna per oltre cinquant’anni di Dudù, il “mio” Raffaele La Capria, l’autore di “Ferito a morte” e ideatore del concetto di “bella giornata”.

Ilaria Occhini è stata un’attrice intensa, dotata di una naturale eleganza espressiva. Ha recitato con Visconti, Ronconi, Patroni Griffi. Ozpetek in particolare è riuscito ad evidenziarla ne “Le mine vaganti”, tanto da condurla al “David di Donatello”.

Eppure la prima cosa che colpiva di lei era la sua bellezza, di cui diceva: “La mia bellezza è come se fosse una cosa, una borsetta, un foulard che porto con me, non ne parlo con nessun vanto“. Ma già suo nonno, lo scrittore Giovanni Papini, scrisse “Per me più bella d’Ilaria non c’è”. E così suo marito La Capria che amava ripeterglielo ogni giorno, “Sei bellissima, la tua bellezza mi distrae”. Con lei di rimando nel loro gioco coniugale: “Che faccio, spengo la luce?”.

Ecco perché scelgo una foto di lei col suo Dudù in una delle loro mitiche estati capresi, in quel tempo che La Capria ha definito “di trasparenza”. Del mare e della vita.

Annunci

Read Full Post »

Film italiano dell’anno “La pazza gioia” di Paolo Virzì, vincitore di tre David di Donatello. Oltre al film si aggiudica il premio anche la regia e l’attrice protagonista Valeria Bruni Tedeschi.

Pellicola leggera ma di peso, sul tema della malattia mentale vista come interruzione umana, difficile da comprendere seppur affascinante per indagare il nostro lato oscuro. O forse davvero chiaro.

Cuore, amicizia, salto nel buio, salto in aria, colore, allegria. E anche scavo, buio, dolore, incomprensione.

Ma con la felicità forse a portata di mano per tutti se, come afferma il personaggio di Beatrice/ Valeria Bruni Tedeschi, “La felicità si trova nei posti belli, nelle tovaglie di fiandra, nei vini buoni, nelle persone gentili.

Read Full Post »

Un film che ormai è un cult. A trent’anni di distanza. Con cinque David di Donatello a scortarlo, tra scene mitiche e musiche d’annata.

Pensi a Borotalco e nella testa ti risuona in automatico quella colonna sonora in cui Lucio Dalla è “convitato di pietra”. In questi giorni di ricordi malinconici Carlo Verdone ha ricordato quell’incontro di trent’anni fa: “Sono orgoglioso di avergli dedicato un film. Non è mai apparso in video, solo una volta in dissolvenza durante un sogno, ma era il motore dell’intera storia“.

Nel film la protagonista Nadia, interpretata da Eleonora Giorgi, è una fan accanita dell’artista bolognese e vuole consegnargli a tutti i costi il testo di una canzone con l’aiuto di Sergio, alias Carlo Verdone, che si spaccia come grande amico di Lucio Dalla pur di fare colpo. Memorabile la scena della roulette: “Ma allora quando è il momento giusto?”, chiede Nadia a Sergio riferendosi all’artista, per fargli arrivare al termine di un concerto il brano “Un fiore per Hal“, cantata da Ricky Portera, chitarrista degli Stadio nel 1982. Sergio farà finta di parlarci, ma in realtà viene accolto da un cane da guardia che ringhia ferocemente. Per cui, pur fingendo che tutto sia andato per il verso giusto, lancia lo spartito dicendo: “Ciao Lucio, grazie eh!”, poi scappa a gambe levate e torna dalla bella Nadia come se nulla fosse successo.

Famoso il retroscena del nome di Dalla sulla locandina: “Il produttore Mario Cecchi Gori – ricorda Verdone – sparò nella locandina il suo nome a caratteri cubitali; il mio, che ero il regista, era scritto in piccolo. Lucio si arrabbiò. Ricordo ancora la sua telefonata: ‘Spera che il film mi piaccia, andrò a vederlo stasera’”. Lo fece effettivamente, e qualche ora dopo la telefonata da un cinema di Bologna: “Mi chiamò per farmi i complimenti. Si sistemò a terra in prima fila perché la sala era gremita e non c’era più un biglietto. Mi disse che ero stato bravo”.

Per le musiche di Borotalco gli Stadio e Lucio Dalla vinsero un David di Donatello e un Nastro d’Argento. La scena iniziale, una vera sigla di apertura sotto le note de L’ultima luna di Lucio Dalla, venne disposta per far credere un legame tra Sergio e Nadia, smentito quando compare la fidanzata di lui. Come “stacchetto” musicale fu utilizzata l’introduzione del brano di Lucio Meri Luis eseguita sempre dagli Stadio.

Read Full Post »

Auguri ad una delle attrici più interessanti e affermate della scena italiana. Ha vinto cinque David di Donatello ed è l’attrice italiana che ha ottenuto più Ciak d’oro e Nastri d’argento, a testimonianza di un talento interpretativo che ci ha regalato personaggi di profondo spessore psicologico. La Buy è infatti molto brava a raccontare l’aspetto sensibile e nevrotico di questo tempo, interpretando donne che vivono i rapporti affettivi tra inquietudini e contraddizioni.

Sempre sfaccettate e rese con notevole maestria le donne portate da lei sul grande schermo, dalla vedova che scopre a posteriori l’omosessualità del marito ne “Le fate ignoranti” di Ozpetek alla moglie tradita ne “I giorni dell’abbandono” di Faenza, dalla moglie borghese che affronta col marito la crisi economica in “Giorni e nuvole” di Soldini alla madre che attende la figlia nata prematura ne “Lo spazio bianco” di Francesca Comencini, solo per citarne alcune.

Io continuo ad essere affezionata al personaggio della complessata Camilla, detta Billa, in analisi dallo stesso dottore che cura un Carlo Verdone, Bernardo detto Berni, ipocondriaco e studioso di Jimi Hendrix in “Maledetto il giorno che ti ho incontrato”. Un vero cult è diventata la frase detta da Verdone a lei, sempre più ossessionata dal loro comune analista: “Te posso dì na cosa? Tu non sei da analisi, sei da ricovero, ma de quelli immediati!!!“.

Read Full Post »