Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Parola’ Category

Le mitiche espadrillas, le scarpe dei pescatori baschi indossate anche dai soldati al fronte durante la Guerra civile spagnola, diventano leggenda negli anni ’70 quando i Castañer, produttori di espadrillas in Catalogna dal 1927, incontrano Yves Saint Laurent che crea i primi modelli con la zeppa. Diventando così un’icona di stile.

Stile che rimane intatto anche oggi, a 90 anni da quei popolari inizi, quando la “campesina” richiamava, per semplicità e nome, la “contadina”. Nonché l’estate.

La zeppa in corda adora infatti le camminate sulla spiaggia, i colori della tela fanno vacanza spensierata, i lacci “alla schiava” inneggiano alla libertà e all’eleganza.

Ps: sono la mia calzatura estiva preferita. Da quando decisi che stavano bene alle mie bambole.

Annunci

Read Full Post »

Chissà chi pesca e chi viene pescato…

Read Full Post »

Giornata speciale quella del 14 marzo, 3.14 nella scrittura anglosassone.

Si celebra infatti, in virtù del numero rappresentato dalla data 3.14, il magico pi greco, la costante matematica data dal rapporto tra la circonferenza e il diametro di un cerchio.

In America e in Gran Bretagna si usa festeggiare con fette di pie, ovviamente, da 3 e 14 dollari.

Ma il 14 marzo è anche l’anniversario della nascita di Einstein. Come a dire che a volte fin dai numeri primi veleggia il destino.

Read Full Post »

Risultati immagini per post-verità

E così “Post-verità” è la parola dell’anno 2016 per l’Oxford English Dictionary, che la definisce come «relativa a circostanze in cui i fatti oggettivi sono meno influenti, nel formare l’opinione pubblica, del ricorso alle emozioni e alle credenze personali». Come dire, “se lo raccontano, allora è vero”. Apparenza versus sostanza.

Così una notizia falsa, ma data per autentica, influenzerebbe una parte dell’opinione pubblica, quella che non cerca la verità rapportandosi col mondo reale, ma col proprio sentire emotivo. Come se diventasse reale ciò che ci piace dire e sentire, senza più spazio per il confronto tra le opinioni. E con i social-media la diffusione della falsa notizia aumenta in modo esponenziale, così che la post-verità, ossessivamente ripetuta, tende a diventare un monologo.

In una società caratterizzata da flussi ininterrotti di informazioni, anche contraddittori, paradossalmente diminuisce la possibilità di giungere ad una chiara visione dei fatti, servendosi solo di argomenti razionali. Cresce invece l’interesse per chi inventa e racconta storie, quindi la post-verità sembra essere diventata la chiave per la conquista e per l’esercizio del potere, economico e politico. Non è un caso infatti che il termine si sia diffuso nel 2016 durante le campagne per il referendum britannico sulla Brexit e per le elezioni presidenziali americane.

Torna utile l’indicazione data da George Orwell ne “La fattoria degli animali”: “Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.”

Read Full Post »

Riusuke Fukahori, dipinto 3D fatto su strati di resina

Riusuke Fukahori, dipinto 3D fatto su strati di resina

Possibile che i pesciolini siano finiti in una padella in cui galleggia non olio ma resina?

Tranquilli! E’ “solo” arte, magistrale infingimento.

E poi oggi è giorno di sorprese e pesciolini poco fritti!

Read Full Post »

pasquauovapulcino

Auguri di una Pasqua Serena a tutti i “viaggiatori” di espress451.

Read Full Post »

Vittoria Marziari Donati "Tracotanza" - 2010

Vittoria Marziari Donati “Tracotanza” – 2010

L’intelligenza sa quando fermarsi. La tracotanza no.

Perché in essa il pensiero si spinge oltre la misura.

Read Full Post »

Older Posts »